24 aprile 2014

Sa Dio quello che io cercavo, volevo incontrare
non so cosa,
una sera,
sentivo l’antico momento dell’incanto, le cose
dimenticate nel tempo
- gli oggetti senza forma dentro di me,
una traccia di cenere e un pezzetto d’acre,
quei nomi immortali nella memoria.
L’ancora, nei bottoni dorati, e le carte,
la polvere nel vuoto – l’odore, e alcuni vestiti di bambino,
dei resti, qualche mollica di anni fa – e da molto lontano,
al soffio dell’aria alla finestra, pensai a te: tra le nubi, un presagio di pioggia era
il mancarti,
con i tuoi occhi inspiegabili, e la sera così moriva.
Era un colore, l’ansia dei presentimenti:
era un’ombra: l’addio,
la notte profonda nella finestra.



Jaime Saenz


A touch of green - photo by eli Elishams

2 commenti:

Archivio blog

chi sono

La mia foto
Utopia, Italy
Artista sinestetica - ricercatrice di verità