14 dicembre 2010

Inizio III


Di bocca in bocca approfondiamo il silenzio.
Le mani spargono l’oblio sulla pelle
come polvere. Così ci affidiamo a un
lento addio. Che non lo si mostri.

Che ancora si rida. Tocchiamoci
come allora. O quasi. Finito è il tumulto.
Ma allora era il presente. E cos’era: libero?
Da dove questa paura di perderci.

Più non diciamo: ti amo.
Il futuro ci ha raggiunto, il tempo.
Condividiamo una specie di solitudine,
stiamo staccandoci: tu ed io.

E ci teniamo. E ci teniamo pronti.


Barbara Köhler

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog

chi sono

La mia foto
Utopia, Italy
Artista sinestetica - ricercatrice di verità