19 marzo 2017

Solitudini composte

Da qui a sera
avrò tempo per dimenticarti,
o tutto il tempo
per uccidermi in un ricordo.


Da qui a sera,
saranno ore di primavera,
di solitudini composte
come fosse vero che eri e sei
il tempo che non torna.


Un pensiero a forma di te
muove, come fosse vento,
i rami e le foglie.


Starti dentro in eterna distanza,
osservarti andare
mentre io, solo per sopravviverti,


a me,
solo a me,


nel silenzio della pietra
e nel dove dell'acqua
ritorno.



Beatrice Niccolai

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog

chi sono

La mia foto
Utopia, Italy
Artista sinestetica - ricercatrice di verità