1 giugno 2008

Credevo di doverle
dire qualcosa,
quando i nostri sguardi s’incrociarono oltre la siepe.
Ma lei non si fermò.
Le parole che dovevo dire, notte e giorno,
scivolano come barche
sopra l’acqua,
o sembrano alzarsi nelle
nuvole autunnali
perennemente ansiose,
o cercano l’attimo perduto
nel tramonto, perdendosi
nei fiori tardivi.
Come una lucciola,
mi trema in fondo al cuore
il discorso che dovevo fare, per trovare il giusto
significato nella sua
fine disperata.

Rabindranath Tagore



dancing maid - foto di sallisoham

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog

chi sono

La mia foto
Utopia, Italy
Artista sinestetica - ricercatrice di verità